Skip to main content

Dettagli Appuntamento

Conferma i dati

Nome:

Cognome:

Data Appuntamento:

Orario:

Appuntamento per

Condividi su

L’estrazione dentale è una procedura odontoiatrica che prevede la completa rimozione di un dente dal suo alveolo. Questa procedura è più comunemente definita “tirare” un dente.

Quando è consigliata l’estrazione dentale?

Quando è possibile, il dentista cerca sempre di salvare i denti naturali. Tuttavia, in alcuni casi non è possibile riparare il dente con otturazioni o corone dentali. A questo punto non resta che procedere con l’estrazione dentale.

I dentisti possono consigliare la rimozione dei denti danneggiati in alcuni casi specifici:

  • Carie dentaria gravissima  
  • Dente fratturato a livello della radice
  • Dente incluso se creano disturbi
  • Gravi parodontopatie con mobilità avanzata
  • Gravi infezioni nell’osso che compromettono la salvezza del dente

Chi esegue l’estrazione dentale?

L’estrazione del dente viene eseguita normalmente dai dentisti mentre, nei casi più complessi, la rimozione di uno o più denti viene affidata agli specialisti.

Modalità di rimozione del dente

Un dente può essere rimosso secondo due procedure differenti: l’estrazione semplice e l’estrazione chirurgica.

L’estrazione semplice viene eseguita su un dente ben visibile, attraverso appositi strumenti come elevatore e pinza. Dopo aver anestetizzato il dente malato, il dentista esercita su di esso piccoli movimenti precisi, finché la radice esce dal suo alveolo.

Più complesso è l’intervento di estrazione chirurgica. Esso viene eseguito su denti inclusi o non facilmente accessibili, ancora parzialmente o completamente coperti dalla gengiva. Per questo motivo, prima di poter procedere con la rimozione, il dentista dovrà fare un’incisione preliminare sulla gengiva, ricavando così lo spazio per poter raggiungere il dente. Quando l’intervento di avulsione si dimostra complicato, potrebbe rivelarsi necessario procedere con la rimozione di alcuni frammenti di osso che circoscrivono il dente per liberarlo. In alcuni casi, il dente problematico può essere suddiviso in più sezioni per agevolarne l’avulsione.

Prepararsi all’estrazione di un dente

Prima di procedere con l’estrazione dentale, il dentista eseguirà tutti gli accertamenti del caso, come radiografie del dente problematico o, se necessario, l’ortopanoramica, che gli consente di vedere entrambe le arcate e determinare l’entità del danno. Il paziente, invece, deve sempre assicurarsi di comunicare al dentista l’eventuale assunzione di farmaci, le allergie a farmaci o materiali (come il lattice), patologie pregresse o stato di gravidanza. Una volta raccolte tutte le informazioni, saranno discusse le opzioni di trattamento e sedazione.

Opzioni di sedazione in odontoiatria

Oltre alla classica anestesia locale, che interessa il dente da estrarre e la zona limitrofa, il dentista può offrire al paziente la sedazione cosciente durante le procedure odontoiatriche. La sedazione è un’opzione per le persone che soffrono di ansia quando sono dal dentista o per coloro che vogliono sentirsi più a loro agio durante l’intervento.

Noi di FreeSmile pratichiamo anche questo tipo di anestesia. Per farlo ci avvaliamo della collaborazione di anestesisti professionisti, perfettamente in grado di controllare la corretta implementazione delle procedure, in modo da offrire la massima professionalità e sicurezza.

Estrazione dentale

Quali sono i vantaggi di estrarre un dente?

L’estrazione dentale offre una serie di vantaggi. Innanzitutto, riduce i batteri nocivi che causano infezione e possono danneggiare denti e gengive. Se non curato, un dente cariato o danneggiato può infettare i denti vicini, causando un effetto domino di problemi. La rimozione del dente problematico, invece, consente di ripristinare una buona salute orale. Inoltre, tirare i denti può aiutare ad alleviare il dolore quasi immediatamente, specialmente se il dente è stato gravemente rotto o è infetto.

Quanto tempo ci vuole per riprendersi dall’estrazione di un dente?

Dipende dalla complessità dell’intervento. Tuttavia, la maggior parte delle persone torna alla normalità in pochi giorni. Mentre sarai in grado di tornare alle attività di routine entro 48-72 ore, di solito la mascella impiega diverse settimane per guarire completamente. Pertanto, se hai intenzione di sostituire il dente con un impianto dentale, probabilmente dovrai attendere qualche mese per consentire il pieno recupero.

Cosa mangiare dopo l’estrazione dentale?

Evita cibi duri e croccanti per i primi giorni. Riempi il frigorifero e la dispensa con cibi morbidi come riso, pasta, uova, yogurt e purea di mele. Dovrai anche evitare di bere con le cannucce, in quanto ciò può rimuovere i coaguli di sangue e causare prese a secco.

Quali sono i rischi o le complicazioni dell’estrazione dentale?

Come ogni procedura chirurgica, l’estrazione del dente comporta un rischio di complicanze. Questi possono includere:

  • Infezione post-chirurgica
  • Presa a secco
  • Lesione nervosa
  • Perforazione del seno mascellare
  • Guarigione ritardata
  • Emorragia

Prevenire le complicazioni

Per guarire rapidamente dopo un’estrazione dentale ed evitare possibili complicazioni è bene seguire alcune accortezze:

  • Mantenere pulito il sito di estrazione. Sciacquare delicatamente l’area con un collutorio antimicrobico due o tre volte al giorno. Evitare di spazzolare direttamente sul sito di estrazione fino a quando la ferita non si sarà rimarginata.
  • Prendere tutti i farmaci come indicato. Il dentista può prescrivere antibiotici e antidolorifici. È importante prendere tutti questi farmaci esattamente come indicato. È possibile su indicazione del dentista o del farmacista anche assumere antidolorifici da banco, come il paracetamolo e l’ibuprofene.
  • Evitare attività faticose per almeno due giorni. Una frequenza cardiaca elevata può causare un aumento del sanguinamento e del disagio post-operatorio e portare a un’emorragia.

Come si possono ridurre i rischi?

Per attenuare i rischi, è sempre bene affidarsi a professionisti qualificati che puntano sulla qualità del lavoro, delle procedure e dei materiali utilizzati. Per ridurre le possibili complicanze, in FreeSmile integriamo nei nostri protocolli tecniche specifiche come la ricostruzione dell’osso, che aiuta a prevenire il rischio di ulteriori perdite di osso, emorragia e dolore. Inoltre, dopo i grandi interventi pratichiamo una gengivoplastica e suture per ridurre il rischio di infezione post-chirurgica e presa a secco.

Per prevenire altre possibili complicanze, pratichiamo gli interventi in una sala dedicata (con riduzione del rischio di infezioni) e con medici esperti. Inoltre, operiamo con sistemi di ingrandimento o microscopi, applicando i protocolli e modelli matematici sviluppati con il nostro team guidato da Dr. Dr. M. Schmitz.

Se hai un mal di denti persistente, chiama il Centro Odontoiatrico FreeSmile per prenotare un controllo. Ti aiuteremo a determinare la causa del fastidio ai denti e valuteremo un piano di trattamento personalizzato.

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Condividi su
PRENOTA ORA 06 33 33 377