Skip to main content

Dettagli Appuntamento

Conferma i dati

Nome:

Cognome:

Data Appuntamento:

Orario:

Appuntamento per

Condividi su

Recessione Gengivale: Cosa è, Sintomi, Quando Preoccuparsi e Trattamento

La recessione gengivale è un problema odontoiatrico diffuso che coinvolge la ritrazione del tessuto gengivale che circonda i denti, esponendo così le radici dentali. Questa condizione può derivare da diversi fattori e, se non trattata adeguatamente, può portare a gravi complicazioni dentali. In questo articolo la esamineremo esplorando la sua definizione, i sintomi correlati, i momenti in cui è necessario preoccuparsi e le opzioni di trattamento disponibili.

Cosa è la Recessione Gengivale?

Si verifica quando il margine gengivale, la parte di tessuto che circonda il dente alla base, si ritira verso l’alto, lasciando scoperte le radici dei denti. Questo processo può avvenire gradualmente nel tempo o manifestarsi rapidamente in risposta a vari fattori. Quando la gengiva si ritira, si crea uno spazio o una tasca tra il dente e la gengiva, il che può facilitare l’accumulo di placca batterica e tartaro.

Le cause della recessione gengivale possono includere:

– Igiene Orale Inadeguata: Una scarsa igiene orale, compreso il mancato uso del filo interdentale e lo spazzolamento improprio, può favorire la formazione di placca che irrita le gengive.

– Malattie Gengivali: Condizioni come la gengivite (infiammazione delle gengive) o la parodontite (infiammazione dei tessuti che sostengono i denti) possono provocare la recessione gengivale.

– Cattiva Tecnica di Spazzolamento: Utilizzare uno spazzolino troppo duro o spazzolare troppo energicamente può danneggiare le gengive e contribuire alla ritrazione del tessuto gengivale.

– Fattori Genetici: Alcune persone possono essere geneticamente predisposte a sviluppare recessione gengivale.

– Fumo: Il fumo può influenzare negativamente la salute delle gengive e aumentare il rischio di recessione.

Sintomi della Recessione Gengivale

I possono variare in base alla gravità della condizione. Tuttavia, i segni comuni da tenere sotto controllo includono:

– Sensibilità ai Denti: I denti possono diventare più sensibili al caldo, al freddo o ai cibi dolci.

– Esposizione delle Radici: Visivamente, i denti possono sembrare più lunghi poiché le radici sono esposte.

– Gengive Infiammate o Sanguinanti: Le gengive possono sembrare rosse, gonfie o sanguinare durante lo spazzolamento o il passaggio del filo interdentale.

– Mobilità dei Denti: In casi avanzati, la recessione gengivale può causare la perdita di supporto del dente, rendendolo mobile.

Quando Preoccuparsi

È importante consultare il dentista se si notano segni o sintomi di recessione gengivale. Un esame professionale può determinare la gravità della condizione e identificare le cause sottostanti. È consigliabile agire tempestivamente per prevenire ulteriori danni e complicazioni dentali.

Se si avverte sensibilità ai denti, gengive sanguinanti o si osserva una ritrazione delle gengive, è consigliabile fissare un appuntamento con il dentista. Può progredire e portare a problemi più gravi, come la perdita di denti, quindi il trattamento precoce è essenziale per preservare la salute dentale a lungo termine.

Trattamento della Recessione Gengivale

Il trattamento della recessione gengivale dipende dalla gravità della condizione e dalle cause sottostanti. Le opzioni di trattamento possono includere:

1. Igiene Orale Migliorata: Una corretta igiene orale è fondamentale per gestire e prevenire la recessione gengivale. Questo include spazzolare i denti due volte al giorno con uno spazzolino a setole morbide e l’uso regolare del filo interdentale.

2. Correzione di Problemi Dentari: Il dentista può consigliare di correggere eventuali problemi dentali, come un morso scorretto o otturazioni mal posizionate, che contribuiscono alla recessione gengivale.

3. Chirurgia Gengivale: In casi più gravi, potrebbe essere necessaria una procedura chirurgica per trattare la recessione gengivale. Questo può includere il trapianto di gengiva o il sollevamento del lembo gengivale per coprire le radici esposte.

4. Terapia Laser: I trattamenti laser possono essere utilizzati per stimolare la rigenerazione del tessuto gengivale e trattare la recessione.

5. Visite di Controllo Regolari: Un programma regolare di visite dal dentista consente di monitorare lo stato delle gengive e intervenire precocemente in caso di problemi.Conclusione

E’ importante utilizzare anche il filo interdentale per rimuovere la placca batterica e i residui del cibo negli spazi interdentali ed effettuare sciacqui con il colluttorio.

La recessione gengivale è una condizione dentale che richiede attenzione e intervento tempestivo per prevenire complicazioni a lungo termine. Mantenere una buona igiene orale, monitorare regolarmente la salute delle gengive e cercare assistenza professionale al primo segno di problemi sono passi cruciali per preservare la salute dentale. Consultare il dentista è fondamentale per determinare il miglior piano di trattamento personalizzato.
Condividi su
PRENOTA ORA 06 33 33 377