Toronto Bridge: e se manca l’osso?

Toronto Bridge: e se manca l'osso?

La perdita dei denti, specie se totale, è causa di tantissimi disagi. Se infatti da un lato, mangiare tutti i cibi, compresi quelli più duri, diventa un’impresa impossibile, d’altro canto anche il sorriso stesso diventa fonte di imbarazzo, compromettendo inevitabilmente la propria vita affettiva e sociale. Ecco perché è sempre più frequente il ricorso alla tecnica dell’All-on-4, con applicazione della protesi fissa Toronto Bridge.

Questa tecnica permette, infatti, la riabilitazione di intere arcate con un numero ridotto di impianti. E’ indicata nei pazienti con totale mancanza di denti o mancanza di denti in una sola arcata, portatori di protesi mobile, pazienti che presentano elementi dentali talmente compromessi da consigliarne l’estrazione, onde evitare un’ulteriore perdita di osso che potrebbe compromettere l’inserimento degli impianti.

Viene fissata attraverso la tecnica All-on-4 cioè su 4 impianti e può sostituire fino a 10-12 denti. Se si vuole una protesi ancora più stabile, si può ricorrere anche all’utilizzo di 6 impianti (All-on-6).

Essendo molto utilizzata nei pazienti edentuli, sono altrettanto frequenti i casi di mancanza di osso. Com’è ben noto, infatti, la mancanza di denti provoca anche la perdita di osso. La Toronto Bridge, attraverso la tecnica dell’All-on-4, consente di supplire a questa mancanza grazie al posizionamento inclinato degli impianti. Questo è molto importante perché nei pazienti che hanno perso i denti da molto tempo, generalmente non è sufficiente la rigenerazione ossea e con gli impianti inclinati si riesce ad integrare questa carenza.

Gli impianti laterali vengono inclinati tra 20° e 45° e sono distribuiti nella parte anteriore dell’arcata, dove l’osso è di migliore qualità. L’inclinazione permette innanzitutto di allargare la base protesica e avvicinare il più possibile ai molari posteriori il punto di uscita dell’impianto. Inoltre, consente di ancorare impianti anche di una certa lunghezza dove non ci sarebbe osso sufficiente.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gli impianti inclinati sono saldamente ancorati alla struttura e, quindi, non c’è alcun pericolo che cadano. Naturalmente il lavoro deve esser fatto in maniera corretta.

Insomma, l’All-on-4 è una tecnica che permette di riavere un sorriso e una funzione masticatoria completa, riuscendo a risolvere casi in cui non sono sufficienti tecniche di rigenerazione ossea. In Freesmile offriamo questo tipo di intervento e, laddove fosse necessario, ricorriamo anche a rigenerazione ossea. Abbiamo risolto spesso casi di pazienti con questo tipo di problematica, ricostruendo l’osso oltre 20 mm. Per prenotare una prima visita è possibile chiamare il nostro centro allo 06.33.33.377, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19.

 
Toronto Bridge: se manca l'osso?