Il filo interdentale

Il filo interdentale

Ti sei accorto che fra i tuoi denti si è formata della placca? Sai che può essere causa di carie, infiammazioni delle gengive e parodontiti? Per prevenire tutto questo, effettua quotidianamente una buona igiene orale anche attraverso l’utilizzo del filo interdentale.

L’articolo seguente fornisce alcune informazioni utili e consigli sull’uso del filo interdentale per una buona igiene orale…

 

Cos’è il filo interdentale?

E’ un nastro formato da piccolissimi e sottili filamenti di plastica, nylon o seta. E’ in commercio anche il filo interdentale cerato che permette un maggiore scivolamento lungo le pareti dei denti e una maggiore maneggevolezza, senza sfilacciarsi.

Viene venduto in piccole scatoline di plastica, in rotoli che vanno dai 10 ai 50 metri. Una volta srotolata la quantità che ci occorre, tagliamo il filo tramite una piccola lama collocata nella scotoletta di plastica, ed è pronto per l’uso.

 

Come si usa

Il filo interdentale si deve inserire nello spazio fra due denti fino a toccare la gengiva, poi si tira verso l’esterno facendolo risalire prima aderendo su un dente poi sull’altro.

Questo sfregamento permette il distacco della placca batterica dal dente che, dopo uno sciacquo della bocca, viene espulsa definitivamente. Questa operazione deve essere ripetuta 2-3 volte per tutti gli spazi interdentali.

Anche se l’utilizzo del filo interdentale è molto semplice, non tutti riescono a farne un uso corretto. Un suo uso improprio determina un livello di pulizia molto superficiale, non sufficiente all’eliminazione della placca.

Nonostante l’utilizzo del filo interdentale, per una perfetta cura delle proprie gengive, si consiglia di effettuare una pulizia dei professionale almeno una volta l’anno, per rimuovere quella placca che non siamo riusciti ad eliminare con lo spazzolino da denti e il filo interdentale.

Un metodo di pulizia professionale molto efficace è l’Air Flow, dove, tra gli spazi interdentali, viene fatto passare un getto d’aria, acqua e polvere.

Un uso appropriato del filo interdentale è consigliato anche a pazienti con impianti dentali, per evitare che la placca determini l’infiammazione dei tessuti intorno agli impianti.

 

Utilità del filo interdentale

Il filo interdentale è uno strumento indispensabile per una buona igiene orale, perché permette di rimuovere i residui di cibo e la placca batterica tra gli spazi interdentali, dove le setole dello spazzolino non sempre arrivano.

L’uso del normale spazzolino, infatti, non permette di eliminare la placca che si deposita in questi spazi, ed è fondamentale rimuoverla perché può essere causa di formazione di carie dentale e infiammazione delle gengive.

Con il tempo la placca può favorire anche lo sviluppo della parodontite e la formazione di tasche parodontali che non si riescono a pulire con la quotidiana igiene della bocca.

Per questo motivo, il filo interdentale rappresenta anche un importante strumento di prevenzione delle malattie parodontali.