Sterilità e igiene nello studio dentistico

Sterilità e igiene nello studio dentistico

Uno dei problemi più importanti di cui l’odontoiatra deve tener conto, è quello della trasmissibilità delle infezioni durante l’esecuzione delle cure dentali. Garantire un ambiente sicuro al paziente che si affida per delle cure, è uno degli obiettivi più importanti per ogni dentista e per tutto il suo team. L’articolo seguente descrive le procedure di sicurezza e la valutazione del rischio per prevenire le eventuali infezioni che si possono trasmettere all’interno dello studio dentistico.

 

Il pericolo infezioni

Il rischio di infezioni aumenta in relazione al numero di pazienti che ogni giorno vengono curati all’interno dello studio e all’invasività delle cure eseguite, soprattutto quando si utilizzano strumenti e attrezzature potenzialmente contaminabili. Altre cause possono essere l’ambiente in cui si opera e l’operatore stesso che diventa veicolo d’infezione.

Questa situazione di pericolosità ha indotto gli studi dentistici ad adottare procedure di controllo e sicurezza per evitare la trasmissione di queste infezioni. In Freesmile, infatti, adottiamo protocolli internazionali di igiene e sterilità e utilizziamo una serie di attrezzature che ci consentono di ridurre al minimo il rischio di trasmissione di germi e batteri.

 

Regole e procedure di sicurezza

Il personale dello studio ricopre un ruolo molto importante nel controllo delle infezioni. L’assistente dovrà accogliere il paziente, prepararlo all’intervento e organizzare il materiale e gli strumenti necessari.

In caso di rischio elevato, come per gli interventi di chirurgia e implantologia, le regole riguardanti la sterilità degli ambienti e degli strumenti sono molto più severe e devono essere rispettate con grande meticolosità.

In Freesmile eseguiamo l’intervento in una sala dedicata e utilizziamo un kit di materiali sterili (camici, teli, guanti, guaine protettive, passacavi, cuffie, mascherine, aspiratore, tamponi di garze, vaschetta di plastica).

Dopo aver preparato il paziente, l’assistente provvederà ad applicare dei teli sterili su tutte le superfici sensibili della poltrona e su quelle degli strumenti accessori.

I rischi possono giungere anche dalle maniglie delle porte. Nel nostro studio, ad esempio, le porte si aprono “da sole” attraverso l’utilizzo di una particolare tecnologia.

 

Sterilizzazione e decontaminazione

Prima di qualsiasi trattamento odontoiatrico, l’assistente dovrà  accertarsi che gli strumenti prima di essere utilizzati vengano sterilizzati, decontaminati e imbustati.

Aldilà di tutte queste regole da seguire, per ridurre il rischio è molto importante anche adottare delle buone pratiche come ad esempio il costante utilizzo di materiale imbustato e monouso, l’igiene generale dello studio e il controllo della scadenza delle sterilizzazioni.

Tutte queste cose anche se possono aumentare i costi dello studio dentistico, contribuiscono a diminuire il rischio di possibili infezioni, a vantaggio della salute del paziente e degli operatori.