Apicectomia dentale

Apicectomia dentale

TI è capitato di avere una grave infezione dentale? In tal caso potresti aver bisogno di ricorrere ad una cura canalare o addirittura ad un intervento di apicectomia dentale. L’articolo seguente descrive le caratteristiche principali di questo tipo di intervento…

 

Cosa è l’apicectomia dentale?

E’ un intervento definito di chirurgia endodontica che consiste dapprima nel togliere e rimuovere la parte finale della radice di un dente, laddove si concentra il maggior numero di batteri e poi nel ripulire lo spazio circostante dall’infezione e dall’infiammazione.

 

Quando si ricorre all’apicectomia dentale?

In caso di ascesso o in presenza di un granuloma periapicale qualora la cura canalare o il trattamento endodontico non siano sufficienti.

Infatti a volte può succedere che i batteri siano talmente tanto aggressivi che non solo attaccano il nervo del dente, ma raggiungono la punta finale della radice dentale e si diffondono in massa nell’osso.

In questa sede non è possibile raggiungere i batteri in un altro modo se non con questo piccolo intervento che permette di arrivare direttamente alla sede dell’infezione.

 

L’intervento 

L’apicectomia dentale è un intervento chirurgico che viene eseguito ambulatorialmente in anestesia locale. Generalmente, ha una durata di 20-30 minuti, ma quest’ultima dipende molto dalla posizione del dente e dalla struttura delle radici.

Cosa facciamo in Freesmile?
Innanzitutto, il chirurgo deve effettuare una radiografia per valutare la situazione. Successivamente si procede con l’operazione: si effettua una piccola incisione sulla gengiva e vengono rimossi il tessuto infetto e l’apice radicolare. Normalmente, l’apicectomia dentale è una soluzione permanente.